La crisi societaria del Chester City FC

campionati e coppe dalla Conference in giù

Moderatore: Gerrard

aladino79
Lazy Supporter
Lazy Supporter
Messaggi: 293
Iscritto il: 30/04/2008, 16:29

La crisi societaria del Chester City FC

Messaggio da leggereda aladino79 » 11/08/2009, 19:29

La storia recente di questo club e il suo periodo più nero
La questione nasce quando nell'estate del 2009 il Chester City affronta il periodo più critico della sua storia. Il club è stato messo in amministrazione controllata e quindi nella mani della Refresh Recovery Limited administrators con debiti di £ 7m accumulati da parte del presidente Stephen Vaughan, che avrebbe portato in automatico ad una penalizzazione di 10 punti nella loro prima stagione in Blue Square Premier dopo la retrocessione dalla League One della stagione scorsa. A questo punto per evitare la penalizzazione e un bel pò di problemi il 26 maggio 2009 si fa avanti un nuovo acquirente sotto il nome di Chester City FC (2004) Ltd, che vuole rilevare il club e quindi farlo uscire dall'amministrazione controllata. Caso vuole però che questa nuova società sia stata costituita dall'ormai ex presidente Stephen Vaughan e dalla sua famiglia. Visto il caso particolare in cui ci troviamo dove il presidente che ha fatto i debiti e quello che vuole subentrare sono la stessa persona anche se a capo di due aziende diverse, quindi un caso più unico che raro la Football Association all'inizio ha dato il benestare "ad interim" e in data 28/07/2009 la squadra si iscrive al campionato. Purtroppo però alla vigilia della nuova stagione scade il periodo "ad interim" e la questione viene riaperta dalla Football Association. Così il Chester City FC non può giocare le prime due partite della stagione 2009/2010 contro il Grays Athletic e il Gateshead visto che ad oggi la sua situazione risulta sub-judice. Tra il caos il club ha anche annunciato la chiusura del Center of Excellence dove si allenavano tutte le formazioni giovanili. In mezzo ci sono anche tribunali e avvocatura varia che però non è il caso di trattare qui fatto stà che ora si apetta solo il pronunciamento definitivo della Football Association che non dovrebbe tardare. Anche perchè il Chester City rischia di saltare troppe partite in questo inizio di stagione

http://www.footballconference.co.uk/clubs/138/Chester_City.html
http://www.chestercityfc.net/article/2784689/Club-press-release

PS: Mi piacerebe saperne molto di più su questa storia che ho riassunto in grandi linee :gha: . Comuqnue ai link che ho messo ci sono le ultime novità e anche le eventuali decisioni che la Football Association potrebbe prendere in futuro

Lord Sinclair
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8574
Iscritto il: 29/04/2008, 10:08

Re: La crisi societaria del Chester City FC

Messaggio da leggereda Lord Sinclair » 14/08/2009, 23:33

aladino79 ha scritto:La storia recente di questo club e il suo periodo più nero
La questione nasce quando nell'estate del 2009 il Chester City affronta il periodo più critico della sua storia. Il club è stato messo in amministrazione controllata e quindi nella mani della Refresh Recovery Limited administrators con debiti di £ 7m accumulati da parte del presidente Stephen Vaughan, che avrebbe portato in automatico ad una penalizzazione di 10 punti nella loro prima stagione in Blue Square Premier dopo la retrocessione dalla League One della stagione scorsa. A questo punto per evitare la penalizzazione e un bel pò di problemi il 26 maggio 2009 si fa avanti un nuovo acquirente sotto il nome di Chester City FC (2004) Ltd, che vuole rilevare il club e quindi farlo uscire dall'amministrazione controllata. Caso vuole però che questa nuova società sia stata costituita dall'ormai ex presidente Stephen Vaughan e dalla sua famiglia. Visto il caso particolare in cui ci troviamo dove il presidente che ha fatto i debiti e quello che vuole subentrare sono la stessa persona anche se a capo di due aziende diverse, quindi un caso più unico che raro la Football Association all'inizio ha dato il benestare "ad interim" e in data 28/07/2009 la squadra si iscrive al campionato. Purtroppo però alla vigilia della nuova stagione scade il periodo "ad interim" e la questione viene riaperta dalla Football Association. Così il Chester City FC non può giocare le prime due partite della stagione 2009/2010 contro il Grays Athletic e il Gateshead visto che ad oggi la sua situazione risulta sub-judice. Tra il caos il club ha anche annunciato la chiusura del Center of Excellence dove si allenavano tutte le formazioni giovanili. In mezzo ci sono anche tribunali e avvocatura varia che però non è il caso di trattare qui fatto stà che ora si apetta solo il pronunciamento definitivo della Football Association che non dovrebbe tardare. Anche perchè il Chester City rischia di saltare troppe partite in questo inizio di stagione

http://www.footballconference.co.uk/clubs/138/Chester_City.html
http://www.chestercityfc.net/article/2784689/Club-press-release

PS: Mi piacerebe saperne molto di più su questa storia che ho riassunto in grandi linee :gha: . Comuqnue ai link che ho messo ci sono le ultime novità e anche le eventuali decisioni che la Football Association potrebbe prendere in futuro


Brutta storia, questo vaughan è veramente un furbetto del quartierino...disgusting!!! Spiace perchè comunque nel suo pèiccolo il Chester è un club storico, con tanta football league alle spalle, nessun trofeo se non la Debenhams ( :look: ) cup nei 70s e perchè ci giocava Terry Owen, il papà di Michael...

aladino79
Lazy Supporter
Lazy Supporter
Messaggi: 293
Iscritto il: 30/04/2008, 16:29

Re: La crisi societaria del Chester City FC

Messaggio da leggereda aladino79 » 15/08/2009, 0:26

Oggi finalmente si è chiusa la questione almeno da un punto di vista sportivo con una sentenza che onestamente è agghiacciante anche perchè suona molto come una condanna. Dunque la Football Conference oggi ha accettato in via definitiva quella che tempo fa fu la decisione della Football Association e così ha dato il permesso al Chester City di iscriversi al campionato per tre ragioni fondamentali: 1) Per garantire comunque del calcio ad alto livello nella comunità di Chester 2) per dar la possibilità alla squadra Chester City FC di giocarsi sul campo il risultato conseguente alla sua retrocessione dell'anno scorso e quindi non sommare retrocessioni a retrocessioni 3) per garantire una regolarità al campionato mantendendo le squadre al numero concordato per regolamento a 24.
Però dietro a queste che all'apparenza possono sembrare notizie positive si nasconde la vera sentenza della Football Association e cioè una specie di compromesso. Cioè loro hanno dato il via libera alla società e l'anno iscritta al campionato ora in maniera ufficiale ma in compenso dovrà scontare 10 punti di penalità per la precente situazione di amministrazione controllata che a tutti gli effetti è stata risolta in maniera un pochino truffaldina. 10 punti ai quali andranno sommati altri 15 punti per non aver rispettato le regole ufficiali della Football Conference che regolamentano le situazioni di insolvenza da parte dei club affiliati. Ovviamente questa regola non ammette deroghe per cui per aver cercato di salvare il club con una furbata ora si ritrovano più o meno nella situazione societaria di partenza (quindi non buonissima) ma con aggiunti 25 punti di penalizzazione che se non corrispondono ad una retrocessione a fine stagione poco ci manca. Credo che solo un miracolo sportivo possa salvare il club dalla retrocessione. Dal punto di vista societario invece credo che li possa salvare solo una cessione seria e pulita a qualcuno che almeno non farà cose fantascientifiche ma almeno darà tranquillità al club.

Ovviamente a breve verranno indicate le date nelle quali verrà recuperato i match non diputati nelle prime due giornate e da sabato il Chester City può iniziare regolarmente il suo campionato.

Questo caso però ha creato una discussione molto forte all'interno della Football Conference con scontri tra i vari associati al punto tale che hanno chiesto delle riunioni con la Football Association per far si che casi contorti come questo non capitino più o quanto meno che qualora dovessero ricapitare si sappia anche come affrontarli per non condizionare il regolare svolgimento dei campionati
http://www.footballconference.co.uk/news/1623/Further_Statement_by_the_Footb.html


Torna a “Non League”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite