il celtic e la coppa di lega: un affare personale. - 4^ part

"when football was football and footballers were men..."
Sezione ufficiale del sito Old British Football

Moderatore: Lord Sinclair

Avatar utente
boretim
Lazy Supporter
Lazy Supporter
Messaggi: 292
Iscritto il: 30/04/2008, 13:05

il celtic e la coppa di lega: un affare personale. - 4^ part

Messaggio da leggereda boretim » 07/08/2008, 16:51

Il Celtic in Coppa di Lega

1972/73 – Gli Hibs micidiali in Coppa

Con la stagione 72/73 si inaugurano alcuni cambiamenti che porteranno la league Cup ad essere un laboratorio del calcio scozzese. Il Celtic in quella stagione si qualificò al turno successivo estromettendo nell’ordine East Fife, Arbroath e Stirling Albion, rimanendo imbattuto. Il formato prevedeva i club di 1^ divisione inclusi in gironi con squadre di 2^ divsione per assicurare benefici economici ai club minori e per non vedere estromessi i grandi club già dal primo turno (Rangers docet …). Il nuovo secondo turno vide i Bhoys sconfiggere agevolmente lo Stranraer, 2-1 fuori casa e 5-2 a Celtic Park davanti a 9.000 spettatori. Nei quarti di finale, sempre con gare di andata e ritorno, a Dens Park il Dundee fc sconfisse il Celtic 1-0 (Wallace); a Parkhead il 1 novembre 1972 i Bhoys ristabilirono la parità battendo i Dens per 3-2 solo ai supplementari grazie ai gol di Lennos e Macari. Nell’occasione, irritato per il deplorevole arbitraggio, Jock Stein prima dell’inizio dell’extra time apostrofò l’arbitro Davidson in malo modo, cosa che gli costò successivamente un richiamo ufficiale dalla SFA e 100 sterline di multa ! nel replay ad Hampden , nonostante il vantaggio di Jocky Scott, il Dundee fu sconfitto 4-1, con 4 gol segnati già nella prima frazione di gioco, dal 28’ al 42’ (Hood, Dalglish e 2 Deans). In semifinale, seppur in svantaggio 2 volte, i Celts recuperarono grazie a Hood, Johnstone e Callaghan. Per l’Aberdeen, in forcing nel finale, solo 2 traverse di Ron Harper e Varga. 71.696 spettatori presenziarono alla finale di Hampden Park del 09 dicembre 1972 che ripeteva quella di Drybrough Cup in agosto: in quell’occasione gli Hibs avevano sconfitto il Celtic 5-3 dopo i supplementari. Anche stavolta gli uomini di Turnbull giocarono una gara tatticamente perfetta, approfittando delle leggerezze difensive dei Bhoys. Prima Stanton al 60’, poi O’Rourke al 66’ siglarono la vittoria. Quando Dalglish segnò al 77’, tutti sperarono in una rimonta, ma gli Hibs resistettero fino alla fine e vinsero meritatamente. Stein quel giorno schierò Williams, McGrain, Brogan, McCluskey, McNeill, Hay, Johnstone, (Callaghan) Connelly, Dalglish, Hood e Macari.

1973/74 – Il Dundee supera i Bhoys in piena crisi … energetica !!

Nella stagione che consacra i Bhoys nella storia del football mondiale grazie al 9° titolo vinto consecutivamente, la League Cup riserva ancora un’amara delusione per la squadra biancoverde. La Federazione scozzese continua gli esperimenti; viene introdotta una linea che prosegue quella del limite dell’area fino alla linea del fallo laterale e oltre la quale esiste il fuorigioco, il tutto per tenere le squadre lunghe e incentivare il gioco d’attacco. Il Celtic è sorteggiato nel girone con Rangers, Falkirk e Arbroath. Passano il turno, come previsto le due squadre di Glasgow, che si dividono le vittorie negli scontri diretti; ad Ibrox vince il Celtic 2-1 nel match del 18 agosto grazie a Lennox (82’) e Hood (86’). A Parkhead vincono i blues il 25 agosto che rimontano l’iniziale gol di Lennox e vanno a segno con MacDonald, Parlane e Conn, con i Bhoys in 10 (espulso Johnstone), che si vedono annullare un gol ingiustamente (Lennox) e con Dalglish sugli scudi. Nel turno successivo avversario ostico si dimostra il Motherwell; il Celtic vince a Fir Park 2-1 (Hay e Murray), ma cedono a Parkhead 1-0 (Goldthorpe). Si va al replay e in una gara durissima solo all’89’ Johnstone trova il gol vittoria del 3-2. nei quarti di finale il Celtic vince 3-2 contro l’Aberdeen (Dalglish 2 e McCluskey) e al ritorno strappa lo 0-0 a Pittodrie. Il 5 dicembre 1973 in semifinale i Bhoys incontrano, da sfavoriti, i Rangers. L’eroe del giorno diventa Harry Hood, che con una tripletta si sbarazza da solo dei rivali (e il quarto gol gli viene annullato) nel 3-1 finale.
Nella finale del 15 dicembre 1973 Stein schiera Hunter, McGrain, Brogan, McCluskey, McNeill, Murray, Hood (Johnstone), Hay (Connelly), Wilson, Callaghan, Dalglish contro il Dundee Fc. La gara è giocata alle 13.30; siamo in piena crisi energetica (per chi lo ricorda, da noi si chiama Austerità …) e la SFA ha proibito di giocare qualsiasi match con l’illuminazione artificiale. Nonostante il campo sia coperto di neve fino a qualche ora prima della gara, l’arbitro “obbliga” le squadre a giocare in un pomeriggio freddissimo, buio e con il campo completamente ghiacciato. Solo 27.974 spettatori sfidarono il gelo per assistere alla gara (affluenza più bassa per una finale di Coppa). Lo schema del Celtic fu chiaro fin dall’inizio: palle lunghe in attacco per non rischiare nulla dietro e sperare in qualche errore della difesa avversaria (visto il campo…). Purtroppo la difesa del Dundee Fc non sbagliò nulla, quel pomeriggio, e al 75’ Wallace riuscì a girarsi in area e a battere Hunter per l’1-0 finale.
THE ITALIAN CELTS C.S.C - club italiano di tifosi del Celtic Glasgow Fc - visita i siti:
http://www.celtifc.forumfree.net
http://www.memocelts.wordpress.com


Young Hammer
Premium Supporter
Premium Supporter
Messaggi: 4750
Iscritto il: 03/05/2008, 10:49
Team: West Ham
Località: ora Piacenza
Contatta:

Re: il celtic e la coppa di lega: un affare personale. - 4^ part

Messaggio da leggereda Young Hammer » 30/08/2008, 13:59

:ave: :ave: :ave: e vai con la quinta
FOOTBALL IS MY RELIGION,UPTON PARK IS MY CHURCH


Torna a “Old British Football”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti